Menu


Categorie

Servizio

SERVIZIO CLIENTI
K19 ATX 115 perspektivisch HRes RGB - lens cropped
VAI AL MY SERVICE

Prodotti e servizi tecnici, consigli e assistenza, tutorial, download, Dichiarazioni di conformità

SERVIZIO CLIENTILun - gio 08:00 - 17:00/ Ven 08:00 - 12:0000800 3242 5056customerservice@swarovskioptik.com

Elenco Dei RivenditoriTrova i rivenditori viciniVai all’elenco dei rivenditori
La vostra lingua:
CHitaliano
Paramo habitat with polylepis woodland El CajasParamo habitat with polylepis woodland El CajasParamo habitat with polylepis woodland El Cajas

L’incanto dell’Ecuador

Le Ande

Tempo di lettura: 3 minuti

Oltre ai tapiri e agli orsi con gli occhiali, che forse in pochi riescono ad avvistare, le Ande ospitano anche una miriade di colorati colibrì tropicali e uccelli traupidi.

Se siete alla ricerca di panorami mozzafiato e volete scattare foto a vivaci specie tropicali, avete un’ampia rete di riserve e lodge dedicati tra cui scegliere. Le Ande sono una catena montuosa variegata, caratterizzata da climi e habitat differenti, e divisa da nord a sud in due settori: la cordigliera orientale e la cordigliera occidentale. Gli umidi rilievi esterni sono tradizionalmente ricoperti di foreste fino a circa 3.400 metri, oltre i quali si sviluppano i parami. La depressione intermedia, invece, ha un clima secco con arbusti e cactus sparsi che contribuiscono a una biodiversità meno ricca delle zone scoscese.

Sui pendii più alti delle Ande si estende il paramo, un pittoresco paesaggio simile alla tundra, caratterizzato da erba cespugliosa battuta dal vento e costellato da arbusti bassi e colonnine di bromeliacee Puya. Si tratta di un ambiente duro in cui è difficile sopravvivere.

Paramo Cerro de Arcos SW Ecuador Sam Woods IMG 2741
IL PARAMO OSPITA ANCHE L’ANIMALE SIMBOLO DELL’ECUADOR, IL CONDOR DELLE ANDE, UNO DEGLI UCCELLI PIÙ GRANDI DEL PIANETA.
Ecuador: The Andean Condor
Animali selvatici nei desolati paesaggi del Páramo

Le esperte salamandre bolitoglossa si insinuano nella vegetazione insieme ai culpei e ai cervi più piccoli del mondo, i rarissimi pudu settentrionali. Il Páramo ospita anche l’animale simbolo dell’Ecuador, il condor gigante delle Ande, uno dei più grandi uccelli del pianeta con un’apertura alare di 3,2 metri, mentre le alte lagune andine ospitano specie acquatiche come l’anatra delle Ande, il gobbo delle Ande e il gabbiano delle Ande.

Le diverse aree forestali delle Ande dell’Ecuador si estendono su fasce di discreta altitudine, al variare delle quali varia anche la tipologia di foresta e la relativa fauna. Questo è particolarmente evidente per i colibrì, le cui specie spesso occupano fasce ridotte d’altitudine e nicchie molto strette. Il becco a spina di Stanley, ad esempio, è tipico del paramo, mentre il raggio di sole splendente e l’incredibile colibrì becco a spada abitano aree di poco più basse, al confine tra il paramo e la foresta temperata. La presenza, invece, del colibrì inca dal collare segna un ulteriore abbassamento dell’altitudine, che coincide con la foresta subtropicale.

Ed è proprio nelle foreste subtropicali che molti wildlife watcher passano gran parte del loro tempo in Ecuador. Qui, infatti, i lodge sono collocati all’interno di foreste rigogliose e il clima è confortevole, meno freddo delle foreste con altitudine maggiore e meno umido di quelle con altitudine inferiore. Mentre il barbuto tucanetto dallo sguardo folle e lo scarlatto galletto di roccia andino attirano (giustamente) l’attenzione, vale sempre la pena tenere d’occhio anche il sottobosco, dove si potrebbero nascondere la velenosa rana diablito o il tapaculo ocellato.

Infine, incuneati tra i piedi delle Ande e la costa del Pacifico si sviluppano tratti di foresta decidua secca, un vero hotspot di endemismi. L’enorme scoiattolo di Guayaquil dalle zampe nere può essere avvistato proprio in questo habitat, insieme ad altre specie tipiche come il motmot dei Caraibi e l’ittero codafasciata.

Spectacled Bear NW Ecuador Sam Woods IMG 6016
Crested Quetzal subtropics N Ecuador Nick Athanas 35361065433 44ae56dc5a o
Chestunt-breasted Coronet temperate DANIEL ALDANA SCHUMANN

L’Ecuador è una meta perfetta per scoprire, vivere e fotografare i tropici. Potete scegliere tra vari hotel e lodge molto confortevoli, pensati per il wildlife watching. Il Paese è facile da visitare ed è reso particolarmente accessibile dal vasto ed esperto team di guide locali che parlano inglese. Dopo un viaggio in Ecuador, molto probabilmente avrete voglia di tornare ai tropici o perché no, di nuovo in Ecuador. Date le sue molteplici attrattive, il Paese si presta, infatti, ad essere visitato non solo una, ma più e più volte.

Sam Woods, Tropical Birding

Tour leader per Tropical Birding

Sam Woods


Sam Woods è un tour leader professionista. Lavora full-time per il tour operator Tropical Birding e durante i 15 anni trascorsi con l’azienda ha vissuto a Quito, in Ecuador. Originario del Regno Unito, ha anche fatto da guida per il Tandayapa Bird Lodge, nelle Ande ecuadoriane. Quando aveva 11 anni, avvistò una cinciarella e una cinciallegra in un parco di Londra e ne rimase affascinato. Questo incontro fu un vero colpo di fulmine che lo spinse anni dopo a laurearsi in Scienze Ambientali. Proprio il percorso accademico lo condusse per la prima volta sulle Ande dell’Ecuador per studiare i colibrì. Una volta finiti gli studi, il desiderio di viaggiare per birdwatching diventò irrefrenabile e lo portò, dopo essersi unito a Tropical Birding, a visitare tutti i 7 continenti. Oltre ad aver scritto articoli per la rivista Birder’s Guide dell’ABA e per altre riviste di birdwatching, è stato coautore di diverse guide sulla fauna selvatica e sugli uccelli australiani. È stato anche il principale collaboratore fotografico della recente pubblicazione Birds of Western Ecuador: A Photographic Guide.